PRESENZA ATTIVA NELLA CHIESA E NEL MONDO

    Categoria: Eventi Pubblicato: Giovedì, 26 Luglio 2018 Scritto da Super User

    Le costituzioni Generali dell’OFS all’ Art. 22, punti 1 e 2 recitano: 

    1. I francescani secolari «siano presenti ... nel campo della vita pubblica»; collaborino, per quanto è loro possibile, alla emanazione di leggi e ordinamenti giusti.
    2. Nel campo della promozione umana e della giustizia, le Fraternità devono impegnarsi con iniziative coraggiose, in sintonia con la vocazione francescana e con le direttive della Chiesa. Prendano posizioni chiare quando l’uomo è colpito nella sua dignità a causa di qualsiasi forma di oppressione o di indifferenza. Offrano il loro servizio fraterno alle vittime dell’ingiustizia.

     

    BISOGNA FARE CHIAREZZA

    Spinti dalla vocazione e seguire gli insegnamenti del nostro serafico padre San Francesco, per l'OFS di Sicilia non è questione di destra o sinistra, nero o bianco, povero o ricco, italiano o straniero, uomo o donna, è questione di dignità umana.

     

    MONTENEGRO: «MIGRANTI: NON SI PUÒ ESSERE CRISTIANI A METÀ»

    cosa significa il Vangelo nelle mani dei cristiani ?

    Se il Vangelo è il mio navigatore satellitare io devo seguire quella strada, ma se scelgo le pagine da leggere e ne rifiuto alcune allora qualcosa non funziona più. Come cristiano non sono libero di scegliere se fare o non fare. Non è più solo un problema di amore o di solidarietà, per noi cristiani diventa un problema di fede perché accogliere l’ altro è accogliere Cristo, chi rifiuta l’ altro rifiuta Cristo. E io come posso accettare Cristo nell’ Eucaristia - e Lui mi ha detto che si trova in un pezzo di pane - e rifiutarlo nel fratello - e Lui mi ha detto che si trova nel fratello- se è lo stesso Cristo? Quindi è il Vangelo che mi mette con le spalle al muro. O lo strappo tutto e dico che per me il Vangelo non è importante, oppure non posso accontentarmi di celebrare riti dimenticando ciò che sta alla base della fede e va ribadito. Non è più solo un problema di amore o di solidarietà, per noi cristiani diventa un problema di fede perché accogliere l’ altro è accogliere Cristo, chi rifiuta l’ altro rifiuta Cristo».

    Il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento e presidente di Caritas italiana in un'intervista sulla questione di nave Diciotti.

     

     L'OFS di Sicilia era presente al porto di Catania con una delegazione di fratelli e sorelle della zona.

     

     

    Intervista durante il servizio dii Rai 3 a Lucio Barone Consigliere regionale OFS delegato per le Missioni.

     https://www.rainews.it/tgr/sicilia/video/2018/08/sic-diciotti-migranti-crisi-sbarco-ad85e0df-309e-4ee6-91ce-18ff60129feb.html

      

    Condividiamo il documento della Consulta regionale delle Aggregazioni Laicali Ecclesiali della Sicilia.

     

    Visite: 378